Italy Time

Italy Time

  • Via Catagnina, 5 | Massa | Italy
  • +39 0585 834434

Impianti wellpoint installati sotto la platea di fondazione

Il prosciugamento temporaneo di un terreno all’interno di una paratia stagna posta sul perimetro dello scavo, come ad esempio nel caso di un Diaframma o di un Jet_Grouting, rende necessaria l’installazione di un sistema di drenaggio che non interferisca con le strutture in C.A. e soprattutto ne eviti la loro foratura. 

In questo particolare caso si opera con sistemi che sono installati al di sotto del piano di posa delle fondazioni, tale soluzione permette di evitare sia la foratura della superficie della platea sia la foratura dei muri verticali, fori che potrebbero dar luogo ad infiltrazioni d’acqua nel momento in cui si disattivano i sistemi di pompaggio.

La scelta tecnica dei materiali più idonei, per il drenaggio sotto platea, sono vincolati alle caratteristiche litologiche del terreno presente in cantiere e quindi alla sua permeabilità, infatti, in base alla tipologia del terreno si possono adottare varie tecniche di drenaggio, talvolta molto differenti tra loro.

L’errata scelta del tipo d’impianto da installare sotto la platea può comportare problematiche sul suo corretto funzionamento, una di queste è la possibilità che si verifichi un intasamento del sistema dei filtri aspiranti con la conseguente perdita di efficacia di tutto l’impianto, vista la particolare dislocazione, che avviene sotto la gettata della platea di fondazione, un imprevisto di questo genere rende impossibile un intervento a posteriori per ripristinare il sistema di pompaggio.

 
SOTTO_PLATEA_9 768x1024
SOTTO_PLATEA_1 1024x768
SOTTO_PLATEA_2 1024x768
SOTTO PLATEA 1024x768
 

I danni derivanti da un malfunzionamento del sistema sotto platea possono essere di grossa entità, in quanto, il rischio che perda di efficacia può causare la risalita del livello di falda sotto la platea che si concretizza con una spinta pari al volume d’acqua spostata dal manufatto immerso ed il suo conseguente innalzamento e galleggiamento.

A tal fine, in modo da prevenire l’intasamento del dreno, è necessario conoscere e studiare le caratteristiche litologiche e idrogeologiche dei sedimi presenti nello strato sotto le fondazioni.

 

Nel caso in cui il sottosuolo sia a matrice sabbiosa o limo-sabbiosa, si consiglia l’installazione di un impianto wellpoint con filtri in PVC anti-sabbia.

Tale impianto, una volta collaudato, garantisce il funzionamento per tutta la durata delle opere fino al raggiungimento del peso sufficiente a contrastare la sotto spinta idrostatica e quindi il galleggiamento del manufatto. 

Questa è la tecnica che assicura i minori rischi nei terreni sopra menzionati, tra i maggiori rischi che si possono riscontrare vi sono l’asportazione di materiale fine, l’intasamento del dreno, l’ingresso di eccessiva aria all’interno della tubazione di aspirazione con conseguente disinnesco della pompa.

La procedura di esecuzione si può riassumere nelle seguenti operazioni, partendo dal piano campagna, si installa un sistema di drenaggio classico con l’impianto a vista sulla sommità dello scavo, una volta raggiunta la quota di fondo scavo, si esegue una trincea al di sotto dello stesso piano e si procede con la distribuzione delle tubazioni munite di rubinetto di regolazione e l’infissione dei wellpoint.

 
SOTTO_PLATEA_5 1024x768
SOTTO_PLATEA_3 1024x768
SOTTO_PLATEA_4 1024x768
CANT_WELL_19 1024x768
 

In questa fase i wellpoint vengono collegati con fascette a vite che ne garantiscono la chiusura, prima di eseguire il rinterro dell’impianto è necessario e obbligatorio verificarne il funzionamento in modo tale da assicurarsi che il sistema non abbia ingressi d’aria, soprattutto che non venga asportato materiale fine dai filtri.

Una volta eseguita la verifica si procede con il rinterro con mezzi leggeri o a mano, in modo da evitare il danneggiamento dei trasflex di collegamento in gomma.

Ultimato il rinterro dell’impianto, eseguito con sabbia, si può procedere con le operazioni di getto dei magroni e delle opere in C.A.

In presenza di terreni molto permeabili, quali ghiaie e ciottoli, si può operare adottando come tecnica di emungimento sotto platea la posa di un tubo dreno munito di calza.

Si possono utilizzare due diversi tipi di pompe che vengono scelte in funzione della tipologia di emungimento, pompaggio per gravità con pompe sommergibili all’interno di pozzi di aggottamento o pompaggio per depressione con tubo dreno collegato a pompa vuoto assistita.

 
MULTIPIANO_3 1024x768
SOTTO_PLATEA_10 1024x768
MULTIPIANO_2 1024x768
 

Servizi Collegati